SECONDO GIORNO DI FESTIVAL

In migliaia hanno raggiunto la Borgata 8 dicembre per campeggiare e godersi la molteplicità di eventi e attività culturali che, da tre anni, caratterizzano l’appuntamento estivo del movimento Notav.

La prima gita al cantiere di questa mattina, come volevasi dimostrare, ha scaturito fastidi da parte della Prefettura che ha emesso un’ordinanza di divieto di passaggio sulle strade che portano in Clarea. Questa in Val Susa è la normalità e anche se vogliono nascondere lo scempio, che è quel cantiere, domani ci ritroviamo tutti insieme per chiedere lo stop dei lavori.

Numerosi gli eventi culturali: Marta Fana e Ascanio Celestini, Davide Grasso e Wu Ming1, tra dibattiti e presentazioni di libri anche alcuni autori valsusini. Tanti gli artisti che nell’arena hanno fatto vibrare la valle da Mezzosangue a Teresa De Sio, dai Modena City Ramblers a Rancore continuando con Francesco Di Bella.

L’appuntamento è per domani alle ore 13 all’infopoint, con la gita al cantiere di Chiomonte: “Il Festival va in Clarea! #STOPTAV”. Per alcune ore ci sposteremo sulle strade che portano al cantiere, con l’obiettivo di osservarlo da vicino e chiederne la chiusura. Sarà un momento di partecipazione che vivremo alla moda nostra, con la gioia e la consapevolezza di essere dalla parte della ragione.

Una volta rientrati poi una nuova Arena ci aspetterà insieme ai Sud Sound System & Bag A Riddim Band, Dub Inc, Le luci della centrale elettrica, Pop X, Tonino Carotone, Marina Rei & Paolo Benvegnù, HK et Les Saltimbanks, Villa Ada Posse, Chiara Dello Iacovo, Corimé, Sendorma, Twang.

 

Buona notte a tutti e buon divertimento ai giovani che potranno ballare con l’aftershow offerto da Yashin b2b Gambo e Feel Better.